La mia foto

Seguimi su Facebook

Contatore

Altre vie

  • Fine Settimana
    Rassegna stampa sulle questioni religiose curata dall'associazione "G. Giacomini" di Pallanza.
  • Vino Nuovo
    Blog collettivo di giornalisti cattolici.
  • Viandanti
    Una voce laicale dell'opinione pubblica nella Chiesa, con una presa di parola libera e pubblica.
  • il Sismografo
    Raccolta di links in 5 lingue su notizie della Chiesa Cattolica, Ecumenismo e Dialogo interreligioso.

« Credo nel cambiamento | Principale | Uniti dalle vittime »

30/09/11

Commenti

Alessandro

Condivido il tuo momento di sensibile pienezza. Quattro mesi fa anch'io ho provato la tua sensazione dopo un intervento chirurgico. Non sempre questi eventi sono negativi. Si prova una consapevolezza del vivere le piccole cose che prima pareva superfluo. A raccontarlo sembra banale, mentre è senso del limite e godere di vivere sull'orlo sentendo il piede incerto e la mano che più forte stringe gli affetti. Ci si deve concentrare sulla mano perchè il piede divenga via via più certo. Assapora questo momento come un dono perché tra qualche mese lo dimenticherai. Spero per te, e per la mano che ti stringe.

I commenti per questa nota sono chiusi.

Twitter

Mi piace

I miei libri

I miei e-book

Blog powered by Typepad
Iscritto da 12/2006