La mia foto

Seguimi su Facebook

Contatore

Altre vie

  • Fine Settimana
    Rassegna stampa sulle questioni religiose curata dall'associazione "G. Giacomini" di Pallanza.
  • Vino Nuovo
    Blog collettivo di giornalisti cattolici.
  • Viandanti
    Una voce laicale dell'opinione pubblica nella Chiesa, con una presa di parola libera e pubblica.
  • il Sismografo
    Raccolta di links in 5 lingue su notizie della Chiesa Cattolica, Ecumenismo e Dialogo interreligioso.

« Quando i musulmani aiutano i cristiani | Principale | Enzo Bianchi: la vita al setaccio »

09/12/10

Commenti

Alessandro

E' proprio così. Il nostro impegno con le parole e con quel che esse dicono al nostro io finiscono spesso per impedirci di vedere quel che dobbiamo fare.

Domani sera devo andare ad una conferenza sulla genitorialità. E' importante! Ma quanto? Forse farei meglio a stare a casa e aiutare mia figlia a ragionare tra riforma e controriforma.
Certo è che se non so le ultime idee sull'allevamento dei figli è grave! Ma se mia figlia non percepisce l'importanza della riforma e della controriforma è ancora più grave. Qui mi rifaccio al bel libricino di Pierangelo Sequeri, La giustizia di agape. L'ago religioso della bilancia, Servitium 2010. Si, penso che prenderò spunto dalla riforma per introdurre mia figlia ad una domanda: è possibile una critica alla religione? Mi sembra che questo sia più utile a lei che il mio arrovellarmi sulle parole rispetto ai più moderni dettami educativi.

Grazie per il tuo pensiero, lo trasmetterò a figli e nipoti.

Demata

Mi fa piacere che un cattolico riconosca a Poseidone quel che è di Poseidone.

Forse, non era il mare a pregare, ma voi a pregare lui.

Leggo, infatti, che "nel fragore delle onde c'è il germe del silenzio".
Provi a ricercare su google "voce del silenzio" oppure "zen" e "vuoto": la profondità dela sua spiritualità farà il resto.

Benvenuto sul Sentiero.

I commenti per questa nota sono chiusi.

Twitter

Mi piace

I miei libri

I miei e-book

Blog powered by Typepad
Iscritto da 12/2006