La mia foto

Seguimi su Facebook

Contatore

Altre vie

  • Fine Settimana
    Rassegna stampa sulle questioni religiose curata dall'associazione "G. Giacomini" di Pallanza.
  • Vino Nuovo
    Blog collettivo di giornalisti cattolici.
  • Viandanti
    Una voce laicale dell'opinione pubblica nella Chiesa, con una presa di parola libera e pubblica.
  • il Sismografo
    Raccolta di links in 5 lingue su notizie della Chiesa Cattolica, Ecumenismo e Dialogo interreligioso.

« La Chiesa del dialogo in Gran Bretagna | Principale | Il segno di Tettamanzi »

05/11/10

Commenti

Davide

Condivido, soprattuto perché senza alcun feedback negativo dalla propria parte politica non può esserci la correzzione delle anomalie e quindi la crescita (e nessuna opinione personale espressa, che cozza un po' con il concetto di libertà di agire e dignità del politico) ma solo sterile "tifo calcistico"

Demata

In Italia ci sono circa 300mila insegnanti delle superiori più quelli in pensione.

Una loro potenziale alunna, Karima al Faroud, fugge dalal casa famiglia, vive per anni a Milano "non si sa bene come" e finisce (mentre i suoi coetanei stanno per prepararsi all'esame di Stato) sui media dato che, a furia di "frequentare" escort, finisce in una festa di potenti signori ultra settantenni, li frequenta e ne ottiene la benevolenza.
Nessuno si chiede cosa ci faccia una "liceale" in un posto così e così lontano da casa.
Nessuno dei nuovi e potenti amici fa la cosa che verrebbe spontanea, ovvero consigliarle di ritornare dai genitori o dai tutori e di riprendere gli studi. Anzi, le regalano cose che sarebbero accessive anche per una donna matura appena conosciuta.

Poi, accade che la ragazzina viene fermata per un furto e, al di là del via vai di telefonate, cosa fanno i suoi mentori?
La fanno rilasciare con un artificio (non è la nipote di Mubarak) e la rimettono in balia di se stessa, per giunta mandandola a casa di una amica escort.

Cosa possono pensare di tutta questa storia gli oltre 300mila docenti di scuola superiore italiani, e con loro le centinaia di migliaia di operatori sociali, psicologi, sanitari, magistrati dei minori, eccetera eccetera?
Cosa provano, dinanzi ad un fatto del genere, i tutori dell'ordine ed i militari, che a riguardo hanno una deontologia ben precisa, ormai lontanissima dalla "sciarmutta" e dalla "faccetta nera" di fascita memoria.

Credo solo il peggio.

Visto che i quattro milioni di lavoratori italiani che ho elencato sono, a tutti gli effetti, una buona parte dei servizi pubblici italiani.

Come fa Berlusconi a non dimettersi davvero non lo so. Come fanno gli altri esponenti politici (inclusi gli alleati) a non pretenderlo è davvero incredibile?
Possibile che neanche da Regioni ed Enti Locali, come dagli ambienti mediatici ed imprenditoriali non arrivi un prendere le distanze?

Possibile che nessuno di loro si renda conto di quanto sia traumatico uno scandalo del genere per tantissimi di quelli che sono "servitori dello Stato" o della cosa pubblica?

Ciao

I commenti per questa nota sono chiusi.

Twitter

Mi piace

I miei libri

I miei e-book

Blog powered by Typepad
Iscritto da 12/2006