La mia foto

Seguimi su Facebook

Contatore

Altre vie

  • Fine Settimana
    Rassegna stampa sulle questioni religiose curata dall'associazione "G. Giacomini" di Pallanza.
  • Vino Nuovo
    Blog collettivo di giornalisti cattolici.
  • Viandanti
    Una voce laicale dell'opinione pubblica nella Chiesa, con una presa di parola libera e pubblica.
  • il Sismografo
    Raccolta di links in 5 lingue su notizie della Chiesa Cattolica, Ecumenismo e Dialogo interreligioso.

« E due! Un altro cardinale bacchetta Sodano | Principale | L'Inter, Mourinho e l'anima »

22/05/10

Commenti

Fritz

Unire coraggio e cautela??? E' un semplice ossimoro, di quelli che piacciono ai teologi che non hanno nulla da dire ma la pretesa di dirlo comunque, e con troppa gravitas.

Lucia

Secondo me questa è solo manipolazione di materia, che con la vita intesa in senso religioso o filosofico o fisico teoretico, ha niente a che vedere. se la vita è energia, per creare la vita occorre trasformare l'energia "pura" in materia, e questo per il momento l'essere umano non lo sa fare, anche perchè non sa da che parte cominciare, visto che chiama "energia" parecchie "cose" che non hanno nulla a che vedere l'una con l'altra. Se i fisici studiassero maggiormente le energie e meno la materia/massa/estensione, forse ccapirebbero qualcosa, ma hanno paura di abbrustolirsi....

Pim

Veramente non c'è nulla di cui aver paura. Si inietta semplicemente del DNA ottenuto per sintesi in una cellula vuota che fa da contenitore: tutto lì. Tutto lì si fa per dire, visto che si tratta di un importante punto d'arrivo, dopo anni di ricerca; e di partenza, perché si potrebbe insegnare alla cellula batterica a produrre aminoacidi e proteine, dunque enzimi, ormoni, utili in terapia medica. Quindi nulla di spaventoso. Il resto, le implicazioni fantascientifiche partorite in questi giorni, sono totalmente prive di senso.

Buona serata, ciao.
Pim

Osvaldo

Nessuna scoperta scientifica condurrà mai l'uomo all'immortalità; e poichè l'uomo è fatto per l'eterno ("Tu hai posto nell'uomo la nozione dell'Eterno", dice il Qoelet), si tratta di un'esaltazione effimera la cosiddetta " creazione della vita".
Solo DIO ci appaga definitivamente.
Grazie x l'ospitalità.

I commenti per questa nota sono chiusi.

Twitter

Mi piace

I miei libri

I miei e-book

Blog powered by Typepad
Iscritto da 12/2006