La mia foto

Seguimi su Facebook

Contatore

Altre vie

  • Fine Settimana
    Rassegna stampa sulle questioni religiose curata dall'associazione "G. Giacomini" di Pallanza.
  • Vino Nuovo
    Blog collettivo di giornalisti cattolici.
  • Viandanti
    Una voce laicale dell'opinione pubblica nella Chiesa, con una presa di parola libera e pubblica.
  • il Sismografo
    Raccolta di links in 5 lingue su notizie della Chiesa Cattolica, Ecumenismo e Dialogo interreligioso.

« "Il capitale" del vescovo Marx | Principale | Il papa è un uomo »

02/06/09

Commenti

Amina

l'importante è che l'Italia diventi LAICA e che non ponga le basi del suo vivere solo ed esclusivamente sulla morale cattolica. Perdona la crudezza e la franchezza ma la religione civile è un paradosso, non esiste.

Matteo

la religione civile non è affatto un paradosso.

Solo chi non vuol vedere, non vede.

Gli USA vivono su una religione civile che ha avuto la sua massima espressione nel "pontefice" Bush.

La Gerarchia della Chiesa Cattolica in Italia si è inserita in una dinamica di "religione civile"

Invito Amina ad approfondire,
ci sono diverse pubblicazioni sul tema.

Synthetick King

cioè "viva il presidente Teo-Con"?

è questo un modello di laicismo?

speriamo nelle profezie di celestino, allora...

Synthetick King

pardon, intendevo la profezia di San Malachia...

Marco

Sono completamente (e tristemente) d'accordo con l'analisi fatta. Purtroppo la Chiesa attuale (o almeno la gerarchia) persegue una religione che media troppo e che alla fine accontenta di più chi detiene il potere più che non denunciarne gli aspetti negativi. Il messaggio di Cristo è un taglio sul vivo. Sono d'accordo su un'Italia laica ma è prorpio con una Chiesa così che non l'avremo mai.

Claudio

sorry ma la tua analisi mi sembra mancare il bersaglio. Ciò che emerge da quel che dice Ruini è proprio l'irrinunciabilità della "missione impossibile" come la chiama lui, ovvero proporre senza camuffamenti codardi il messaggio evangelico al mondo. La dialettica interna della Chiesa per decidere il modus operandi migliore per comunicare il messaggio è molto più complessa di quanto non appaia a occhi esterni e non può essere ridotta alla tanto deprecata "gerarchia", complice anche quel giornalismo interessato a dipingere la chiesa come una banda di tiranni, e complice anche un ritardo culturale degli organi di comunicazione cattolica che GDL indica e Ruini ammette.

I commenti per questa nota sono chiusi.

Twitter

Mi piace

I miei libri

I miei e-book

Blog powered by Typepad
Iscritto da 12/2006