La mia foto

Seguimi su Facebook

Contatore

Altre vie

  • Fine Settimana
    Rassegna stampa sulle questioni religiose curata dall'associazione "G. Giacomini" di Pallanza.
  • Vino Nuovo
    Blog collettivo di giornalisti cattolici.
  • Viandanti
    Una voce laicale dell'opinione pubblica nella Chiesa, con una presa di parola libera e pubblica.
  • il Sismografo
    Raccolta di links in 5 lingue su notizie della Chiesa Cattolica, Ecumenismo e Dialogo interreligioso.

« Comune riflessione | Principale | Shoah: quando Benedetto XVI parla chiaro »

12/02/09

Commenti

Account Deleted

I Cattolici credono che un cervello ibernato sia "non vivo", mentre un corpo con danni cerebrali sia "vivo".

I Cattolici credono che una pecora clonata non sia "viva", mentre sarebbe "Vita" un embrione di un mese e mezzo.

Sempre i Cattolici credono che lo Stato in cui sono la maggioranza debba darsi delle leggi secondo la loro morale e non secondo dei principi laici.

Io, per fortuna, non sono cattolico e non ho nessuna intenzione di diventarlo.

Al Padre Nostro preferisco la Tavola di Smeraldo di Ermete Trimegisto, sulla quale, almeno 2000 anni prima di Cristo, erano scolpite più o meno le stesse parole.
Ma questo ai Cattolici non lo insegnano.

All'amore "per il prossimo", preferisco i Sutra di Buddha, dove si parla dell'amore "per se stessi" che ci separa da ciòche è effettivamente importante.
Anche questo ai Cattolici non viene insegnato.

Alle astruserie ed ai "misteri della fede", preferisco gli insegnamenti del Dalai Lama e dei Bòn, che, sulle stesse questioni, hanno idee molto più chiare e comprensibili.
Così, si accolgono i Cattolici, a casa di San Francesco, ma guai a dirgli il perchè.

Ad un esercito di presbiteri "certified", qual'è il Vaticano, preferisco il monaco itinerante che dimostra con la propria esistenza, giorno per giorno, la propria santità.
Ed anche di questo i Cattolici hanno poca memoria, nonostante si usasse così dal Neolitico.

Un vecchio detto afferma che "diventa ignorante chi colloquia con degli ignoranti": meglio tacere, dunque, in questo Paese, se il dibattito punta su Etica, Morale e Raziocinio.

Sarà per questo che il Padreterno, dopo Fatima e Loreto, non ha mandato più messaggi, come aveva abituato per due millenni i fedeli Cattolici?

Concordo sul silenzio.

peppe

Caro Demata, la ricerca di Dio è a disposizione di tutti gli uomini. Tu vai alla ricerca delle tracce del divino che si trovano nelle culture millenarie del mondo, quelli che tu chiami 'i cattolici' cercano di trovare le tracce di quel Gesù, figlio di Dio, che è vissuto duemila anni fa e che nella fede capita d'incontrare ancora durante la giornata. La garanzia del risultato è nella genuinità della ricerca. Che messaggi divini (o di Dio) continuino ad arrivare alla coscienza dei singoli ne sono convinto.

Account Deleted

Non so cosa cerchino i Cattolici.
Non credo quelle di Cristo: si sarebbero accorti che altri erano passati di lì.

E di sicuro, non la via individuale e/o "genuina", visto che il Culto è gerarchico, organizzato e temporalizzato.

Quanto ai messaggi divini agli Uomini, nutro seri dubbi.
La non-importanza insegnata dal Buddhismo comporta tutt'altra umiltà.

Riguard i Cattolici "del dissenso" dovrebbero accettare che non esiste Cattolicesimo a prescindere dal Vaticano: sono tutt'uno.
Credono in una Religione che non c'è.

Che peccato.
Ciao.

I commenti per questa nota sono chiusi.

Twitter

Mi piace

I miei libri

I miei e-book

Blog powered by Typepad
Iscritto da 12/2006