La mia foto

Seguimi su Facebook

Contatore

Altre vie

  • Fine Settimana
    Rassegna stampa sulle questioni religiose curata dall'associazione "G. Giacomini" di Pallanza.
  • Vino Nuovo
    Blog collettivo di giornalisti cattolici.
  • Viandanti
    Una voce laicale dell'opinione pubblica nella Chiesa, con una presa di parola libera e pubblica.
  • il Sismografo
    Raccolta di links in 5 lingue su notizie della Chiesa Cattolica, Ecumenismo e Dialogo interreligioso.

« Ferrara è meno devoto? | Principale | Non uomo »

26/09/08

Commenti

Mauro

Quando il papa sarà daccordo con Sartori cambierà tutti i suoi interventi radicalmente. Imparare la fede dalla storia infatti è l'opposto dell'impararla dalla "natura", cosa che sta tentando di fare in tutti i modi. Perchè appunto la storia è mobile e la natura invece è fissa, definita una volta per tutte, come la Bibbia, come piace a lui.

Daniele

Se non fosse che anche la natura è una nozione che abbiamo dalla cultura e quindi essa pure in evoluzione. Grazie a Christian per questo bel testo di Sartori

Mauro

D'accordissimo con Daniele. Parlavo della natura ereditata dalla Scolastica, non di quella descritta dalla scienza.

annalisa

Davvero bello questo testo che proponi e che potrebbe farsi oggetto di studio per molti in questo tempo. Trovo molto pregnante l'immagine della storia come occhiale per leggere la fede. Quello che poi spesso si tende a dimenticare è che il Dio in cui crediamo non è un dio-motore immobile, ma un Dio storico che ha iniziato a mettersi in cammino da subito quando il popolo ebraico ha iniziato a prendere arche e attraversare deserti. Forse troppo spesso ci viene comodo un dio statico.

I commenti per questa nota sono chiusi.

Twitter

Mi piace

I miei libri

I miei e-book

Blog powered by Typepad
Iscritto da 12/2006