La mia foto

Seguimi su Facebook

Contatore

Altre vie

  • Fine Settimana
    Rassegna stampa sulle questioni religiose curata dall'associazione "G. Giacomini" di Pallanza.
  • Vino Nuovo
    Blog collettivo di giornalisti cattolici.
  • Viandanti
    Una voce laicale dell'opinione pubblica nella Chiesa, con una presa di parola libera e pubblica.
  • il Sismografo
    Raccolta di links in 5 lingue su notizie della Chiesa Cattolica, Ecumenismo e Dialogo interreligioso.

« La virtù della prudenza | Principale | So di non sapere »

11/04/07

Commenti

Gian Contardo

Su alcune questioni si può essere più vicini al card. Martini e su altre al Papa.
Non bisogna però cadere nell'errore di considerare la pluralità di posizioni come divisione in fazioni: un conto è avere idee diverse e praticare e fomentare la divisione, e un altro è avere idee diverse e praticare e incitare ad agire nell'unica direzione possibile, quella verso Dio.
Bisogna anche evitare di "buttarla in politica", considerando la Chiesa divisa in centro-destra (Ratzinger) e centro-sinistra (Martini): le categorie della politica rimangano confinate nella politica.
Certo però che, a vedere certe prese di posizione di "sostenitori" di Benedetto XVI, a volte si ha l'impressione di avere ancora una volta a che fare coi "realisti più realisti del re".

donmo

Hai perfettamente ragione nel ritenere l'ultimo post sul rapporto Ratzinger - Martini *risolutivo*.
Infatti, anche i soliti "più papisti del papa" hanno evitato commenti. Almeno per ora.

I commenti per questa nota sono chiusi.

Twitter

Mi piace

I miei libri

I miei e-book

Blog powered by Typepad
Iscritto da 12/2006