La mia foto

Seguimi su Facebook

Contatore

Altre vie

  • Fine Settimana
    Rassegna stampa sulle questioni religiose curata dall'associazione "G. Giacomini" di Pallanza.
  • Vino Nuovo
    Blog collettivo di giornalisti cattolici.
  • Viandanti
    Una voce laicale dell'opinione pubblica nella Chiesa, con una presa di parola libera e pubblica.
  • il Sismografo
    Raccolta di links in 5 lingue su notizie della Chiesa Cattolica, Ecumenismo e Dialogo interreligioso.

« Latino e sciocchezze | Principale | Atei diversi »

16/03/07

Commenti

Gian Contardo

Ammetto (e premetto) la mia ignoranza in fatto di teologia, per cui non entro nel merito delle dispute dottrinali fra i vertici vaticani e la teologia della liberazione.
Da profano, rilevo due prospettive diverse, che forse spiega il perché di tante incomprensioni: la prospettiva di chi opera in realtà come quelle latino-americane in cui l'oppressione e la violenza contro i poveri non si limita alle minacce ma si concretizza in sfruttamento e assassinii; e la prospettiva di chi, stando lontano (nel "tranquillo" mondo "evoluto") è preoccupato dal doppio rischio di vedere da un lato scivolare l'opzione per i poveri in adesione a una parte politica e dell'altro di veder svanire il significato religioso (rapporto con Dio) a favore delle manifestazioni sociali della fede.
Secondo me, occorre che entrambe le parti cerchino di comprendere le ragioni e le preoccupazioni della controparte: è sbagliato, è un tragico errore auspicare che un prete si trasformi in guerrigliero; ma è altrettanto sbagliato che, in nome di una incomprensibile opportunità politica (che fa sì che, in molte realtà europee, le gerarchie ecclesiastiche appaiano, se non addirittura siano, schierate con quello che al giorno d'oggi si chiama cento-destra), la Chiesa rinunci a richiamare con forza i ricchi e i potenti ai loro doveri di solidarietà e di condivisione (anche dei beni materiali).

I commenti per questa nota sono chiusi.

Twitter

Mi piace

I miei libri

I miei e-book

Blog powered by Typepad
Iscritto da 12/2006